Sezioni

Occupazione suolo pubblico (autorizzazione in generale) e canone (cosap)

Referente : Pier Luigi Para

E' vietato occupare il suolo pubblico (oppure il suolo privato gravato da servitù di pubblico passaggio), nonché i relativi spazi sovrastanti o sottostanti, senza specifica autorizzazione comunale. Chiunque intenda occupare detti spazi (anche  solo temporaneamente) deve presentare apposita domanda, su modello allegato, al Comune, consegnata o spedita all'Ufficio Protocollo.

Come richiedere l'autorizzazione

La richiesta deve contenere (salvo diverse e ulteriori disposizioni degli uffici di volta in volta interessati):

  • l'indicazione delle generalità del richiedente, della sua residenza/domicilio legale e codice fiscale, telefono e/o mail/PEC;
  • l’ubicazione esatta dello spazio pubblico che si chiede di occupare e la sua misura (evidenziato a mezzo di planimetria in scala adeguata);
  • l'oggetto e i motivi dell'occupazione, la sua durata, la descrizione dell'opera che si intende eventualmente eseguire, le modalità di utilizzazione dell'area.


Il richiedente è comunque tenuto a produrre tutti i documenti e a fornire tutti i dati ritenuti necessari ai fini dell’esame della richiesta.
L’eventuale autorizzazione verrà rilasciata dal Funzionario del Settore competente per materia, con indicazione della durata dell'occupazione, la misura dello spazio per cui è consentita l'occupazione, nonché delle eventuali condizioni alle quali è subordinata.

Versamento del canone

Qualora si sia ottenuta l’autorizzazione ad occupare il suolo pubblico è necessario provvedere al versamento del Canone di Occupazione Suolo Pubblico – COSAP per gli importi e alle scadenze indicate nella comunicazione dello stesso (per informazioni sul Canone è possibile contattare l’Ufficio Tributi nei giorni ed orari di apertura al pubblico, per appuntamenti Tel. 0541/673930.

E' prevista la possibilità (nel caso non sia stato tempestivamente versato il Canone alle prescritte scadenze) di regolarizzare spontaneamente la posizione effettuando versamenti a titolo di ravvedimento operoso comprensivi di canone, penalità ridotte ed interessi. Il Regolamento prevede che, qualora vengano effettuati pagamenti Cosap tardivi senza versamento delle penalità e degli interessi legali, siano applicate dal Comune penalità in misura maggiore attraverso successivo Avviso.

In ogni caso, qualora il pagamento del Canone non sia stato effettuato è applicabile da parte dell'Amministrazione la decadenza della concessione o dell'autorizzazione, nonché il mancato rilascio o rinnovo dell'autorizzazione/concessione, come stabilito da normativa in materia.
Nel caso di occupazione abusiva di suolo pubblico e/o di occupazione difforme dall’autorizzazione rilasciata, è prevista la rimozione dei materiali, il versamento del Canone di occupazione suolo pubblico dovuto e/o ulteriore e l’applicazione di sanzioni ai sensi delle vigenti disposizioni di legge e/o regolamento.

Allegati

Qui sotto sono disponibili la modulistica e gli allegati al procedimento.