Sezioni

Tassa sui rifiuti (TARI) - utenze domestiche

area tematica Tasse e tributi

Che cos'è

A decorrere dal 1° gennaio 2014 è stata istituita in tutti i Comuni la nuova Tassa sui Rifiuti (TARI), in sostituzione della Tassa per lo Smaltimento Rifiuti (ex Tarsu) che è rimasta in vigore fino al 2013.

Chiunque possieda o detenga locali ed aree a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti è tenuto alla presentazione della dichiarazione TARI e al pagamento della relativa tassa.

Coloro che avevano già presentato la dichiarazione ai fini Tarsu e/o Tares, o che avevano ricevuto un provvedimento di accertamento, non hanno un nuovo obbligo dichiarativo, qualora le condizioni siano rimaste invariate.

Tempistiche

La dichiarazione TARI deve essere presentata entro 60 giorni dalla data in cui ha avuto inizio il possesso o la detenzione dei locali oppure dalla data in cui è avvenuta un’eventuale variazione (superficie, indirizzo, ecc.).

Il medesimo termine di 60 giorni vale anche qualora si verifichi la cessazione dell’occupazione o detenzione dei locali in precedenza dichiarati. Contestualmente alla cessazione della tassa sui rifiuti occorre riconsegnare la chiavetta per il conferimento dei rifiuti  (c.d. "E-Gate").

Modalità di calcolo e tariffe

Per quanto riguarda l’applicazione tariffaria, la Tari relativa alle utenze domestiche è modulata tenendo conto del numero dei componenti del nucleo familiare. Dove per nucleo familiare si intende quello risultante dagli archivi anagrafici.

Tuttavia, nel numero dei componenti andranno considerati, e dichiarati, anche quei soggetti che, pur non avendo la residenza anagrafica, risultano a tutti gli effetti dimoranti nell’abitazione stessa.

Le tariffe deliberate per il 2019 sono le seguenti:

Categoria Tariffa fissa
(€/mq)
Tariffa variabile
(€)
1 componente € 0,778345 €   41,46
2 componenti € 0,914555 €   96,73
3 componenti € 1,021578 € 124,37
4 componenti € 1,109141 € 152,01
5 componenti € 1,196705 € 200,37
6 o più componenti € 1,264810 € 234,92

Riduzioni

Le utenze domestiche possono beneficiare di diverse riduzioni, che saranno concesse a partire dalla data di presentazione dell'istanza:
- 30% Abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso limitato e dicontinuo;
- 20% Locali, diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo,   ma ricorrente;
- 30% Abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora, per più di 6 mesi all'anno all'estero;

- 30% Fabbricati rurali ad uso abitativo;

- 40% Nelle zone situate fuori dell'area di raccolta dei rifiuti e precisamente quando il più vicino punto di raccolta dista più di 400 mt. dall'accesso all'area privata;

- Previa apposita richiesta, la tassa è ridotta di 2/3 quando l'abitazione è posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da cittadini italiani residenti all'Estero, iscritti all'A.I.R.E., ognuno dei quali è già pensionato nei rispettivi Paesi di residenza, a condizione che tale abitazione non risulta locata o ceduta in comodato d'uso (per modalità dichiarative vedi modulo allegato)

Qualora queste riduzioni fossero già state richieste gli scorsi anni per la 'vecchia' Tassa Rifiuti, saranno considerate valide anche per la nuova Tassa, in quanto compatibili.

Esenzioni

 La Delibera C.C. n. 56 del 29/12/2018 disciplina quanto segue:

  • Esenzione totale per la abitazioni occupate da anziani con età non inferiore a 65 anni se uomo e 60 anni se donna, che conducano direttamente tali abitazioni, soli o con coniuge e/o con altra persona purchè nei limiti d’età suddetti e con reddito equivalente ISEE annuo non superiore a € 8.300,00 per nucleo famigliare;
  • L’esenzione dalla tassa rifiuti verrà accordata anche a quei nuclei famigliari composti (o che comprendono al proprio interno) da soggetti di età inferiore ai limiti stabiliti anche se non titolari di pensione, purchè totalmente o permanentemente inabili al lavoro o con un’invalidità non inferiore al 67%. (per modalità dichiarative vedi modello allegato “TARI-Richiesta agevolazioni”)

  • AGEVOLAZIONE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DA PARTE DELLE UTENZE DOMESTICHE

 

  1. Le utenze domestiche che conferiscono rifiuti in forma differenziata al centro di raccolta di Villa Verucchio denominato SEA stazione ecologica attrezzata, hanno diritto ad una agevolazione calcolata sulla base delle quantità di rifiuti conferiti in forma differenziata nel corso dell’anno solare precedente in base agli importi specificati nella seguente tabella:

 

Tipologia di rifiuto

 

 €/Kg

 

Vegetali

(scarti di giardinaggio, sfalci e potature)

0,050

Carta, cartone, imballaggi

0,020

Inerti da demolizione e vetro

0,020

Pile e accumulatori al piombo

(batterie)

 

0,025

Farmaci scaduti

0,025

Tessili ed abbigliamento

(indumenti usati)

 0,025

Ingombranti vari, legno, ferro

0,050

Frigoriferi e lampade fluorescenti

 

 0,100

Piccoli/grandi elettrodomestici, TV e monitor

(elettrodomestici bianchi esclusi freddo e clima, sorgenti luminose)

 

0,070

Plastica

0,100

Contenitori T/F, Filtri olio

0,010

Toner e cartucce

0,100

Bombolette spray, detergenti, vernici e inchiostri

0,010

Pesticidi

0,010

Oli vegetali e oli minerali

0,050

 

In ogni caso l’ammontare dell’agevolazione non può essere superiore al 50% della quota variabile della tariffa. 2.

Tali agevolazioni saranno calcolate a consuntivo con compensazione con il tributo dovuto negli anni successivi o rimborso dell’eventuale eccedenza pagata nel caso di incapienza.

L'agevolazione e/o compensazione non verrà disposta per gli importi fino ad € 12,00 (come previsto dal Regolamento Generale delle Entrate approvato dalla Delibera di C.C. n. 73 del 28/11/2014 e integrato con Delibera di C.C. n. 3 del 15/02/2018)

 

  • Per conferimenti al Centro Ambiente, clicca qui
  • Per informazioni sulla possibilità di richiedere esenzioni/riduzioni, clicca qui
  • Per le abitazioni tenute a disposizione, d’ufficio sarà applicato un numero di componenti che tiene conto della seguente presunzione:
Da 0 a 45 mq 1 componente
Da 46 a 60 mq 2 componenti
Da 61 a 75 mq 3 componenti
Oltre 75 mq 4 componenti

Si ricorda che per tali Abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso limitato e discontinuo verrà applicata una riduzione pari al 30%.

Variazioni

Qualora fossero intervenute delle variazioni (metratura, indirizzo, cessazioni...) è obbligatorio dichiararle entro 60 giorni ed eventuali conguagli saranno imputati sulla prima rata utile.

Pagamenti e scadenze

Per l'anno 2019 sono state stabilite due rate di pagamento:

1° rata: scadenza 31 Luglio 2019

2° rata: scadenza 30 Novembre 2019

Cosa fare:

I pagamenti dovranno essere effettuati esclusivamente mediante i modelli F24 inviati, presso qualsiasi sportello postale o bancario senza costi aggiuntivi entro e non oltre la scadenza stabilita per evitare le sanzioni.

Si rammenta che NON è ammesso il pagamento con R.I.D. (domiciliazione bancaria)

Anche i contribuenti non residenti nel territorio dello Stato dovranno versare la TARI utilizzando il modello F24 inviato. Qualora non fosse possibile, per effettuare il versamento dall'estero, il contribuente dovrà fare un bonifico a favore di:

Comune di Verucchio
codice IBAN -  IT36O0899568100012000009118
Codice SWIFT/BIC  ICRAITRRRN0

Come causale dovrà essere indicato:
il codice fiscale del contribuente;
cod. 3944 - "Tari - Comune di Verucchio Anno 2019".

 

Nel caso in cui in prossimità della prima scadenza (31/07/2019), non sia stato ricevuto l’Avviso di Pagamento si prega di contattare l’Ufficio Tributi.

 

Si informa che a partire dall’Anno 2018 i cittadini possono chiedere l’invio dell’invito al pagamento della TARI tramite PEC e/o MAIL inoltrando il modello allegato debitamente compilato e firmato.

 

Ravvedimento operoso

Nel caso di omissione del versamento di una o di entrambe le rate della TARI (scadenza 31/07/19 e 30/11/19), il contribuente può versare in ritardo la Tassa dovuta applicando una sanzione ridotta e gli interessi moratori. Tale procedura si chiama "Ravvedimento Operoso"

La sanzione ridotta è calcolata in questo modo:

  • se il versamento è effettuato entro 14 giorni dalla scadenza, la sanzione ammonta allo 0,10% dell’imposta dovuta per ogni giorno di ritardo (esempio: versamento con 12 giorni di ritardo, sanzione  0,10% x 12gg = 1,2%);
  • se il versamento è effettuato tra il 15° ed il 30° giorno la sanzione è l’1,5% dell’imposta;
  • se il versamento è effettuato tra il 31° al 90° giorno la sanzione è l’1,67% dell’imposta;
  • nel caso di versamento è effettuato oltre il 90° giorno  ed entro un anno dall'omissione o dall'errore  la  sanzione è invece il 3,75% dell’imposta.

Gli interessi vanno calcolati al tasso di interesse legale sull'imposta dovuta, in ragione dei giorni trascorsi tra la scadenza fino al giorno del versamento (dal 01 Gennaio 2019 il tasso di interesse legale è pari allo 0,8 per cento annuo).

Esistono ulteriori forme di ravvedimento operoso (infedele/omessa denuncia con conseguente omesso e/o parziale versamento della Tassa), per informazioni più approfondite in merito a scadenze, sanzioni e modalità operative è necessario rivolgersi direttamente all'Ufficio.

Il calcolo del ravvedimento operoso e la stampa del modello F24 può essere effettuato con il servizio “Calcolo IMU/TASI on line”.

Referente

Para Pier Luigi

 

Allegati

Qui sotto sono disponibili la modulistica e gli allegati al procedimento.